Approfondimenti

PADER TESINN II

[...] Nervosa, guissa e scaltra, quel giorno la corrente della riva l’andeva ben no! Trascinate da quel veventer s’giunfi, le variegate stirpi fluviali, i pess d’ogni razza, altrove avrebbero cercato morte e gloria. Lì, gha n’era nanca vun! Al quadraa del Luis, questo ingegnoso garbuj di canapa ingruppada giustappunto per dimostrà tutta la sua micidiale potenza nella pesca su la riva, mica aveva bisogno di un’acqua così ballerina, bensì d’un fondo quieto, una correnta noiosa e stracca, giusto di quelle che s’affogano d’estaa tra i rami laterali de Tesinn. Tra gera e sponda, il Luis l’eva adree che la cercheva. Così, quel dì, aveva camminato per un non breve tratto.

A on bel moment, una brancaa de sares e de besii, ben disposta in ripida discesa in un verso una sponda celata da un costone, aveva svelato un luogo davvero singolare! Non unico, per un fiume da sempre matt e squinternaa, ma certo con quel suo tocco privilegiato di anarchica bellezza, tanto da farlo sì maggiormente gustare a qualsiasi innamorato di questa terra. Per uno strano gioco di correnti, la perenne mutevolezza del fondale in avanti un passo dalla riva, aveva fatto in modo che una corona de palta e gera fina ponesse quel tratto lustro al riparo dall’irruenza delle acque, inscì de fagh cornis a ‘na sorta de laghett e delicaa, ancorché profondo, bastevole alla tana de pess, pessin, pessòn.

Lì sì che l’eva al post quell giust! Lì sì che de pess gha na dovea vess on viament! Sì! Quello era il luogo in doe è che al quadraa, strumento di pesca sopraffino, al podeva giust andà giù in acqua a fà al su mestee. E inscina l’ha faj al Luis noster. Giù al quadraa!
Slarga i pee, tendi il braccio, all’erta i polsi, ecco!

Così calma, protetta dalla piccola diga naturale sorta a difesa delle correnti, l'acqua ti coglie felice al desideri; lo culla, lo donda, dolce se lo branca quasi al fudess al su bel fiurin. Sul suo fondo, tien la rete giusto il tiro d’un respiro, mica più; quanto basta per tranciare alle pinne la via di fuga. E poi fuori, tirata su a guttà come un ciel de november; e i pescetti dentro fritti che disperen la bucca a cercar vento e mica sanno che tra un po' sarà un bel fuoco a rostii tucc. Sì, cont al quadraa a pescà sa fa inscì! Storia veggia de Tesinn!

Ma quel dì, quel cramentu can d’on dì, nient de nient! Ovej, nanca on pess, on reschin! E quest per tucc i volt ch’el quadraa si era spinto giù nell’acqua. Cosa cristo l’eva success? Tiraaa su la red, sul palmo della mano gli occhi cadevan smorzi su tre misere arborelle gnecche e sghembe.
“Tutt quell che hoo ciapaa incoeu...” Al mugneva al Luis!
Vera. Tutt lì al mestee d’on dì. Tre pesciolini di numero tre, a cui il nostro ridava ardore presto rilasciandoli nella corrente.

Il Luis l’eva no peroo il tipo che s’arrendeva facilmente. Tesinn l’eva semper a staj un fiume generoso, ricco di immaginazione, colp de scena, improvvise fantasie preternaturali; ancora, padre di innumerevoli, sterminate, schiatte di pesci. Era con questa certezza che al Luis decideva di non mollare, spingersi anmu lungo quel sentee fin la riva stretta tra i sares e pubbi. Difatti, nei giorni che a quello seguivano, anmu al quadraa affondava nell'acqua quieta compagnaa dall'insorgere d’un emoziòn caparbia, gnucca, ardita; un'insolita, dura, volontà, affinché qualcosa finalmente saltasse in rete. Ma appena al quadraa risaliva al pel dell'acqua, greve come un masso la delusione si stravaccava sul fondo del fiume. Sa pescheva nigòtt!

Fu giusto allora che il Luis, la pesca andaj mal, al quadraa bell e che voeuj, al s’è incort di una strana quanto insolita propensione del suo cuore alla preghiera. Quasi che tra lui e Tesinn si fosse rivelata una primitiva comuniòn, sorta de figliolanza tra l'omm e l’indicibile natura prima, netta in quei giorni gh’era insorta l'emozione di star dinanzi a un essere misterioso, ancestrale, eterno; indifferente seppur amorevole guardiano dei cammini e delle sorti di omm che a luu andeven. Qualcosa, in luu, al Luis al senteva cambià.

Tesinn, al nost Tesinn, mutava. Perpetuandosi, mutava; e con esso l'uomo che ‘l gh’eva arent. Al Luis n’aveva la certezza. E ciò che ne seguiva, avrebbe confermato il mutamento.
Tutt a l’è success ona sira, ona sira dopo tanti dì da la pesca scarognaa del Luis. Quella sira al Luis a l’eva tornaa giù a Tesinn.

Pareva, quella sira, che dalle vaste fontane del cielo un fiotto di vino e al sa fuss mollemente spantegato all'orizzonte, tale era il rosso cupo del calar del suu mirato dal Luis su quel gran dosso, in epoche galliche spintosi a sovrastare la vall de Tesinn e i busch, la rura, l’unisc, al sares, l’interminada s’cera de la gent selvatega de sta terra d’acqua e radis. Negli attimi in cui il sole pareva sciogliersi fondo tra i boschi delle rive, piaceva al Luis sostare con gli occhi a occidente, con tant de quel vin denter da poterlo sì spugà in ciel come, in quell'istante uguale, la botte del sole munta dal vegnì prest de la nott. E il pensee, in quella sorta gioiosa ebbrezza, andava ai giorni passaa giù a Tesinn con il quadraa in umile sapienza calato sui fondali; l'occhio attento ai pur lievi moti delle acque, la giuina nebbia del noster november lombard su l’acqua a somenà al silenzi e la grisa carìsna. Tucc i volt che al Luis l’eva lì davanti a ‘n spettacul del gener, gha sa derviva al coeur. L’eva, quest, l’amour del noster Luis. Gh’oreva vessegh nassuu, chì, a Tesinn, per cordare il cuore e gli occhi su di un solo, assoluto, sentimento.

Chi l’è che gha voeur ben a Tesinn, lo amerà per sempre, senza condiziòn. Tutta la su’ vitta, ciò che penserà, scriverà, cercherà, sarà l'ombra proiettata dalla lus primordial sorta in de l'infanzia di questi luoghi, tra due opposte rive, tra le Alpi e il Po, in de la terra de mezz de la piana granda. E quest perché la vita, in sta part del mund, a l’è sortii de Tesinn: Tesingen, nassuu de Tesin, avrien dii i noster antenaa. Sì. L’è inscina.

Per misteriosi camminamenti de l’anima e de l’usell, nell'istante della definitiva sparizione del suu de là de Tesinn, quella sira benedetta, Luis non aveva con sé al quadraa, l’eva no andaj lì per tirà su un quej pess. Al gh’eva de l’alter adree!

Era un amore in carne e ossa, un giuin amour de fioletta tutta dulza e tutta pulpa, sen mostus e burin faj de ciòd. Con sé, in riva a Tesinn, al Luis lo aveva voluto. E mica in un posto qualsiasi. Là proppi là, s’è miss in del coo de menall: con lei, sì, su la sponda della pesca nei dì trascorsi altrimenti disgraziata!

continua...